Privacy Policy
Crea sito
Train Chronicles

Train Chronicles: il treno per il mare

reddittumblrmailIl treno per il mare è un treno formato da alcune carrozze un po' diverse da quelle che siamo abituati a vedere. Somiglia più a un Vivalto d'altri tempi: due piani, spazi aperti, è arredato con sedili-panca imbottiti che possono far sedere due persone e mezzo/tre (se sono tutti grassi, è meglio che ci si siedano due persone). Ha ampie finestre e ricorda un traghetto. Non si può dire che ci sia più spazio rispetto ad un altro treno: il suo interno ricorda molto anche il viaggio in corriera per il gran numero di persone che sembrano assieparsi nei corridoi e lungo i tre gradini che conducono alle porte per la discesa e la salita. Proprio questo lunedì abbiamo preso il treno per il mare. Stavamo andando a Bologna come ogni giorno e la nostra meta non è cambiata, eppure ognuno di noi ha pensato proprio a questo: "il treno per il mare". Perché chiamarlo così? Perché almeno una volta nella vita alle persone della nostra zona sarà capitato di prendere il treno per Rimini, Riccione o mete simili e di trovarsi proprio su questo treno. Per questo viene proprio da pensare a mete estive, al caldo, alla poca aria che entra dai finestrini e a quel senso di vacanza che quei sedili, con quella forma, ricordano. Non stavamo andando al mare ma ci sentivamo come se ci stessimo andando. È scomodo, c'è poco spazio per gambe, d'estate è molto caldo e vi circola poca aria. Eppure, il viaggio su quei sedili è diversi, più sereno. Aria d'estate, voglia di viaggiare, di andare lontano. Il treno per il mare, una volta arrivato a Bologna, sarebbe tornato indietro verso Poggio Rusco, come al solito, alle 8.42. Niente mare per nessuno che vi fosse salito. Forse un giorno, più avanti, chissà. Lo abbiamo rivisto ieri mattina: ore 7.48, sul primo binario alla stazione di Mirandola, in direzione Verona. Il treno per il mare.
chiara@grannyshouse

[email protected]

Blogger at Granny's House
Blogger e copyeditor, vive nel caos e ha sempre tante idee in testa.
Vegana, yogini, fa volontariato al Canile di Mirandola "Isola del Vagabondo" ed è donatrice AVIS.
Vizia senza vergogna i suoi Bimbis e sta cercando di imparare a cucinare in una maniera decente.
Ama scrivere ma deve ancora capire se ha troppo o nulla di importante da dire.
chiara@grannyshouse
Seguici su: Facebooktwittergoogle_pluspinterestrssyoutubetumblrinstagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.